Giudizio della giuria
giuria

In totale sono pervenuti ben 51 elaborati, realizzati da studenti delle varie scuole medie superiori di Ivrea e del Canavese.
 
La giuria esprime anzitutto il suo compiacimento per il grado di attenzione che i partecipanti hanno rivolto ai quesiti e per l'autenticità delle risposte.
 
Il tema proposto I GIOVANI INTERROGANO IL TERRITORIO è stato analizzato in duplice chiave. Il territorio infatti è stato inteso come ambiente e come mondo adulto con cui i giovani sono a contatto.
 
Riguardo al primo punto, si nota che l'ambiente inteso come territorio riveste un'importanza fondamentale, abbraccia il sito dove si è nati o dove si è cresciuti e la cui bellezza, messa in rilievo anche in forma talora poetica, è sovente messa a rischio. Emerge un affetto vivo per il proprio paese, anche quando è visto come punto di partenza per la ricerca di luoghi diversi ove divertirsi, realizzarsi o nei quali semplicemente conoscere il mondo. Non di rado si auspica il potenziamento di attività turistiche e di feste locali capaci di incrementare e di ravvivare la vita di relazione.
 
Riguardo al secondo punto, l'ambiente inteso come mondo adulto abbraccia le tre istituzioni fondamentali con cui i giovani si rapportano: Scuola, Famiglia, Comune.
 
Le prime due realtà appaiono come le più importanti per la formazione psicologica dei giovani che, se in complesso ritengono migliorato il dialogo con insegnanti e genitori, non lo ritengono esaustivo della loro richiesta di maggiore aderenza alle problematiche individuali; nei genitori e negli adulti in genere si lamenta uno stereotipo di superficialità nei riguardi dei giovani, si chiede maggiore comprensione e minor ripiegamento sul rimpianto dei passati fasti d'Ivrea e del Canavese; negli insegnanti si lamenta la tendenza a limitarsi alla sola trasmissione di saperi. Alla Scuola si richiedono poi strutture volte all'esercizio dello sport o ad attività parascolastiche, di cultura generale, per l'approfondimento del rapporto con il mondo del lavoro, lo studio di lingue straniere e di abilità tecnologiche, biblioteche, aule magne eccetera.
 
Al Comune si richiedono strutture come palestre, piscine, parchi, luoghi di incontri, spazi pubblici per l'espressione creativa murale (graffitismo), saloni polifunzionali per attività ludiche e culturali.
 
Ma anche l'informazione è oggetto delle richieste dei giovani, che si aspettano da lei maggiore attenzione ai giovani nelle loro manifestazioni positive, anziché segnalarne prevalentemente le deviazioni o gli aspetti problematici.
 
Un sentimento molto diffuso nei giovani, che richiedono a questo proposito anche il supporto positivo di scuola e Comune, è il vivo desiderio di accogliere positivamente e di accettare la diversità, non solo in senso etnico, evitando ogni forma di discriminazione o separazione. Vivo è anche il desiderio di dedicarsi a forme di volontariato onde aiutare le fasce più deboli della società.
 
tavolo_premiazione sala
Complessivamente la giuria ha trovato dei giovani ben disposti al dialogo, assetati di vita positiva, che sentono però minacciata da mezzi di comunicazione esaltanti modelli negativi sempre più omologanti, anche a livello inconscio, la collettività dei giovani.

 

 

Presidente 2021-2022
Gianna Boltro
-->

Rotary Club di Ivrea - via Torino 98, Ivrea (TO)
email Presidente: presidente@rotaryivrea.it, segretario - Sandro Cognini: ivrea@rotary2031.org - tel. 348 5679 699 - c.f. 93009870010 - Informativa sulla privacy
(c) 2011-2018 Sintresis